Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Coronavirus - misure in vigore

dal 5 marzo la Lombardia è in fascia "arancione rafforzato"

Data di pubblicazione:

mercoledì 3 febbraio, 2021

Tempo di lettura:

3 min

coronavirus misure valide in lombardiaCoronavirus: misure di contenimento adottate da Regione Lombardia e dal Governo

A partire da sabato 6 marzo entrano in vigore le misure previste dal  DPCM del 2 marzo 2021, che resterà efficace fino a martedì 6 aprile compreso.
Il nuovo DPCM conferma l’individuazione di quattro differenti “zone” (bianca, gialla, arancione, rossa), che corrispondono a diversi scenari di rischio.

In ragione del quadro epidemiologico in corso, il presidente Attilio Fontana ha firmato l’Ordinanza regionale n. 714 del 4 marzo 2021 che dispone misure restrittive per il contenimento del contagio rispetto a quanto previsto per la zona arancione, zona di cui la nostra regione fa parte in base all’Ordinanza del Ministro della Salute del27 febbraio 2021.

Pertanto, a partire dal 5 marzo e fino al 14 marzo l’intero territorio della Lombardia entra in fascia ‘arancione rafforzato’.

In particolare si prevede la sospensione della didattica in presenza per tutte le classi delle scuole elementari, scuole medie, scuole secondarie di secondo grado e istituzioni formative professionali. Sono inoltre sospese anche le scuole dell’infanzia.

Tra le altre disposizioni introdotte dall’Ordinanza, si evidenziano:
– il divieto di recarsi presso le cosiddette “seconde case” e verso le abitazioni private abitate;
– l’accesso alle attività commerciali limitato ad un solo componente per nucleo familiare;
– il divieto di utilizzare le aree attrezzate per gioco e sport all’interno di parchi, ville e giardini pubblici, fatta eccezione per le persone affette da disabilità:
– l’obbligo di indossare mascherine chirurgiche o presidi analoghi di protezione delle vie respiratorie sui mezzi di trasporto pubblici.

Il decreto legge n. 15 del 23 febbraio 2021 conferma, su tutto il territorio nazionale, il divieto di effettuare spostamenti tra regioni o province autonome fino al 27 marzo, tranne che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

È ancora vigente l’Ordinanza regionale n. 675 che prevede la sospensione delle limitazioni permanenti alla circolazione dei veicoli Euro 4 diesel, nei Comuni in Fascia 1 e nei Comuni con più di 30.000 abitanti in Fascia 2, stabilita dall’Allegato 1 della deliberazione della Giunta Regionale n. 3606 del 28/09/2020, fino al prorogarsi della situazione emergenziale.

Per scoprire tutte le misure e i servizi attivati da Regione Lombardia per affrontare l’emergenza Coronavirus vai alla pagina dedicata.

 

Si ricorda che, in virtù delle limitazioni agli spostamenti introdotte dai suddetti provvedimenti, qualora servisse giustificare quegli spostamenti ritenuti indispensabili esibendo una autodichiarazione, si può utilizzare il modello scaricabile al seguente  link.

 

Ulteriori informazioni

Confermato

PER INFORMAZIONI DETTAGLIATE SULLA PANDEMIA DA COVID-19 SI INVITA A MONITORARE LE APPOSITE SEZIONI CONSACRATE ALL'ALLERTA COVID-19  SIA SUL SITO WEB DELLA REGIONE LOMBARDIA CHE SUL SITO WEB DEL MINISTERO DELLA SALUTE

Il numero 800894545 è stato aperto a tutti i cittadini per avere informazioni e dettagli per sapere cosa fare e quali regole seguire.
C'è anche il numero 1500 (da evitare invece il 112 se non per richieste di intervento urgenti)
Si ricorda che è attivo numero unico 116117 per la così detta continuità assistenziale (ex guardia medica). Maggiori informazioni

Ultimo aggiornamento

04/03/2021