Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Assegno di maternità del Comune

CHI PUÒ RICHIEDERLO

L’assegno di maternità del Comune può essere chiesto dalla madre non lavoratrice al proprio Comune di residenza per la nascita del figlio, oppure per l’adozione o l’affidamento pre-adottivo di un minore.

La madre può richiedere l’assegno se non ha diritto all’indennità di maternità dell’Inps, oppure alla retribuzione per il periodo di maternità. Se l’importo dell’indennità o della retribuzione è inferiore all’importo dell’assegno, la madre lavoratrice può chiedere al Comune l’assegno in misura ridotta.

La concessione del contributo per i nuovi nati dipende dal reddito del nucleo familiare di appartenenza, che deve essere inferiore al valore I.S.E.E. deciso di anno in anno (per il 2021 corrisponde a 16.954,95 euro)

ENTITÀ DEL CONTRIBUTO

Il contributo 2021 è pari a 1.693,45 €.

QUANDO RICHIEDERLO

La domanda può essere presentata entro sei mesi dalla data del parto o adozione/affido.

ITER

La madre può presentare la domanda nella sezione “accedi ai bandi” sul sito www.tradatewelfare.it
La domanda verrà protocollata e successivamente riconsegnata via email al richiedente, che la porterà, assieme all’I.S.E.E., al Caaf Uil di Tradate (via Santo Stefano 6, tel. 0331 – 1365922).

DOCUMENTI DA PRESENTARE AL CAAF

– Modulo richiesta protocollato dal Comune;

– copia carta di identità in corso di validità e codice fiscale della madre;

– copia della carta/permesso di soggiorno (per i cittadini extracomunitari);

– certificazione ISEE in corso di validità;

– copia delle coordinate IBAN intestate al richiedente.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

11/02/2021